Vicolo Boccacavalla 3/F 31044 Montebelluna (TV)
0423.289090
info@bbinternational.com

Finanziaria 2018. Quali agevolazioni per le imprese?

Se dovessimo ripensare a ciò di cui si è più parlato e discusso nel corso del 2017 , non potremmo non menzionare la famigerata ” Industria 4.0″.

Sono nati dibattiti e articoli su tutte le testate riguardanti beneficiari e strumenti oggetti dell’iper e del maxi ammortamento ma, per molto tempo, i dubbi sono rimasti ancora piuttosto profondi.

Ecco perchè la legislazione italiana ha deciso di prorogare a favore delle imprese, questa possibilità. Soprattutto, la convinzione è che, dopo l’anno di rodaggio, ora possano davvero usufruirne tutti quelli che ne possiedono i requisiti.

 

Proroga Maxi Ammortamento

 

E’ confermata dunque la possibilità a favore delle imprese e dei lavoratori autonomi che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi dall’ 1.1.18 al 31.12.18 ( 30.06.2019 a condizione che entro il 31.12.2018 sia accettato il relativo ordine e pagati acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione) di incrementare il relativo costo del 30% ( fino al 2017 pari al 40%).

Inoltre, è altresì confermata l’ esclusione dalla maggiorazione per gli investimenti:

  • in beni materiali strumentali con un coefficiente di ammortamento inferiore al 6,5%;
  • in fabbricati e costruzioni

 

Proroga Iper Ammortamento

 

Di conseguenza, è prorogata la possibilità, a favore delle imprese che effettuano investimenti in beni nuovi finalizzati a favorire processi di trasformazione tecnologica/ digitale entro il 31.12.2018 ( 31.12.2019 a condizione che entro il 31.12.2018 sia accettato il relativo ordine e siano pagati accointi in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione) di incrementare il costo del 150 %.

Per i soggetti che effettuano nel suddetto periodo investimenti in beni immateriali strumentali il costo è aumentato del 40%.

In sede di approvazione è stata ampliata la gamma dei beni immateriali agevolabili con l’ aggiunta delle seguenti voci:

  • sistemi di gestione della supply chain finalizzata al drop shipping nell’ e-commerce;
  • software e servizi digitali per la fruizione immersiva, interattiva e partecipativa, ricostruzioni 3d , realtà aumentata;
  • software, piattaforme e applicazioni per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratterisitche di integrazione delle attività di servizio ( comunicazione intra-fabbrica, fabbricacampo, con integrazione telematica di prestazioni e guasti dei dispositivi on field)

 

Crediti d’ imposta Spese di Formazione

 

E’ confermato che alle imprese che effettuano attività di formazione a decorrere dal 2018 spetta un credito d’ imposta pari al 40% delle spese relative al costo aziendale del personale dipendente per il periodo occupato nella formazione svolta per acquisire/ consolidare le conoscenze tecnologiche previste dal Piano Nazionale impresa 4.0, ossia biga data e analisi dei dati, cloud e fog computing, cuber security, sistemi cyber-fisici, prototipazione rapida, sistemi di visualizzazione e realtà aumentata, robotica avanzata e collaborativa, interfaccia uomo macchina, manifattura additiva, internet delle cose e delle macchine e integrazione digitale dei processi aziendali nri seguenti ambiti:

  • vendita e marketing
  • informatica
  • tecniche e tecnologie di produzione

E’ esclusa, particolarmente, la formazione ordinaria/ periodica organizzata dall’impresa per conformarsi:

  • alla normativa vigente in materia di salute e sicurezza sul luogo di lavoro
  • ad ogni altra normativa obbligatoria in materia di formazione

In ogni caso, il credito d’imposta in esame è riconosciuto fino ad un massimo annuo di 300.000 € per ciascun beneficiario per le citate attività di formazione pattuite con contratti collettivi aziendali/territoriali.

 

Voucher digitalizzazione PMI

Un’ ulteriore novità è costituita dal Voucher Digitalizzazione. Quindi, una misura agevolativa per le micro, piccole e medie imprese che prevede un contributo, tramite concessione di un “voucher”, di importo non superiore a 10 mila euro, finalizzato all’adozione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico.

La disciplina attuativa della misura è stata adottata con il decreto interministeriale 23 settembre 2014.

Quali sono le spese ammissibili previste dal decreto?

Entro quali termini occorre ultimare il progetto?

Scarica la nostra mini guida per saperne di più.